Tag

, , , , , , , , , ,

Bayer CropScience ItaliaUn cortometraggio sull’uva italiana sostenuto da Bayer CropScience Italia, con il patrocinio di A.P.E.O – Associazione pugliese esportatori ortofrutticoli e della Regione Puglia, è stato presentato nei giorni scorsi in anteprima a Fruitlogistica.

“Si fa presto a dire uva” è un cortometraggio girato in Puglia in collaborazione con le imprese leader del settore, per proseguire nel percorso avviato con il volume della collana Coltura & Cultura “l’uva da tavola”. L’intento del cortometraggio è di stimolare un maggiore interesse del pubblico a conoscere e riconoscere la qualità, il territorio e i valori sociali della produzione italiana di uva da tavola, e il suo primato nei mercati internazionali.

Per mantenere questo primato, la produzione deve essere orientata al miglioramento continuo e questo è l’obiettivo di Magis uva da tavola, progetto di cui Bayer CropScience in Italia è partner. Il progetto è nato nel 2012 dalla collaborazione tra produttori, comunità scientifica, tecnici e industria che lavorano insieme per migliorare e garantire la sostenibilità e la sicurezza dell’uva italiana nel modo più concreto, efficace e trasparente.

“Da sempre pionieri dell’innovazione – ha detto Karina von Detten, amministratore delegato di Bayer CropScience in Italia – siamo orgogliosi di promuovere un’assoluta novità nel campo della comunicazione dei prodotti agroalimentari e di sostenere Magis; speriamo che queste proposte innovative possano essere di stimolo per gli operatori del settore, per un’uva italiana “sempre migliore”.

Il film è stato prodotto da Paolo Ghiazza, diretto da Angelo Volponi secondo il soggetto di Giovanni Carrada.

La fotografia a cura di Angelo Volponi, le musiche di Alessandro De Leo e il montaggio è stato realizzato da Francesca Era.

Guarda il film >>>